Giovedì, 19 Aprile 2018

Trova la risposta tra le seguenti domande

Quali sono i costituenti chimici?
Composti caffeilchinici (cinarina); Flavonoidi (luteolina); TanniniSteroli; Poliacetileni; Lattoni sesquiterpenici (cinaropicrina); Sali minerali; Acidi organici.
 
Quali sono i benefici del carciofo?
- Ricco di Antiossidanti: Nel cuore del carciofo è presente l’acido clorogenico, una sostanza con proprietà antiossidanti, che è in grado di prevenire malattie arteriosclerotiche e cardiovascolari.
- Protezione contro il Cancro: Tra tutte le verdure i carciofi hanno il più alto livello di antiossidanti. Secondo l’USDA (U.S. Department of Agriculture) su 1.000 diversi tipi di cibi vegetali i carciofi sono al 7° posto per contenuto di antiossidanti.
Questi composti, come è risaputo, sono uno dei principali mezzi per di difesa del sistema immunitario nei confronti dei radicali liberi. Sostanze dannose per la salute che possono dare origine a malattie pericolose tra cui anche i tumori.
Le proprietà antiossidanti dei carciofi provengono dai polifenoli (quercetina e rutina), dalla vitamina C, la vitamina A, la vitamina E e dai flavonoidi. È stato dimostrato che i flavonoidi hanno proprietà preventive nei confronti del tumore al seno.
Benefici al Fegato L’organo che trae i maggiori benefici dalle proprietà del carciofo è il fegato. La cinarina, un acido presente anche nelle foglie. I suoi principi attivi vengono disattivati dalla cottura (per questo motivo è meglio consumare il carciofo crudo).
La cinarina è anche utile al fegato per guarire da patologie come epatite, cirrosi ed ittero. Efficace anche in caso di avvelenamento chimico.
- Diuretico e Digestivo: Il carciofo ha proprietà digestive e diuretiche e, grazie alla presenza di cinarina e inulina, permette di abbassare i livelli di colesterolo.
- Abbassa il Colesterolo: Una proprietà molto importante dei carciofi è basata sulla capacità dei loro acidi di abbassare il livello di colesterolo cattivo LDL nel sangue. In tal modo questo ortaggio protegge l’organismo dall’ipertensione, dall’arteriosclerosi, dall’infarto e dall’ictus.
- Pressione Sanguigna :Il carciofo è anche una buona fonte di potassio, un minerale molto importante in quanto svolge un ruolo importante per il buon funzionamento di tutti gli organi. In particolare il potassio aiuta l’organismo a neutralizzare gli effetti del sodio in eccesso che come sappiamo porta un innalzamento della pressione sanguigna.
- Aiuto per i Diabetici: Studi scientifici dimostrano che il carciofo contribuisce ad equilibrare i livelli di zucchero nel sangue, in questo modo questo prezioso ortaggio può essere considerato un valido aiuto nella lotta al diabete.
- Salute del Cervello: I carciofi forniscono circa il 12 % della dose raccomandata di vitamina K. Vi sono studi che dimostrano che questa vitamina offre protezione contro il danno neuronale e la degenerazione cerebrale. Rappresenta quindi un metodo preventivo per l’Alzheimer e la demenza negli anziani.
- Salute delle Ossa: Sempre la vitamina K svolge un ruolo importante nella formazione delle ossa e nel mantenimento della loro salute.
 
Quante calorie hanno i carciofi?
I carciofi hanno poche calorie, circa 22 per 100 grammi.
 
Cosa contengono i carciofi?
acqua 91,3 g Carboidrati 2,5 g Zuccheri 1,9 g Proteine 2,7 g Grassi 0,2 g Colesterolo 0 g Fibra totale 5,5 g Sodio 133 mg Potassio 376 mg Ferro 1 mg Calcio 86 mg Fosforo 67 mg Magnesio45 mg Zinco 0,95 mg Rame 0,24 mg Vitamina B1 0,06 mg Vitamina B2 0,10 mg Vitamina B 3 0,50 mg Vitamina A r18 µg Vitamina C 12 mg
 
Quali sono gli effetti collaterali?
Il carciofo - se impiegato correttamente e alle dosi consigliate - è normalmente ben tollerato a livello gastrico e sistemico. Tuttavia, in individui sensibili potrebbero manifestarsi reazioni di sensibilizzazione in seguito al contatto prolungato della pianta con la cute.
 
In quali casi va evitato l’assunzione del carciofo?
Va evitata l'assunzione di carciofo in caso d'ipersensibilità accertata verso uno o più componenti, in pazienti con ostruzione delle vie biliari e in pazienti affetti da colelitiasi.
Per la generosa presenza d'inulina, l'impiego di carciofo va evitato in caso di fermentazioni intestinali abbondanti.
L'uso del carciofo dev'essere evitato anche durante l'allattamento, a causa delle possibili riduzioni della portata lattea. 
Inoltre, si sconsiglia l'assunzione di carciofo anche in gravidanza.
 
Come si pulisce un carciofo?
Per prima cosa infilate un paio di guanti, eviterete di trovarvi le mani scure per i 3 giorni successivi. Dopodiché eliminate le spine tagliando il fiore del carciofo a metà della sua lunghezza. La parte alta e coriacea delle brattee da tagliare via dipende dalla varietà di carciofo e dal suo impiego. Le cotture delicate richiedono un taglio maggiore rispetto, per esempio, alla frittura. A questo punto eliminate anche i primi 2 o 3 strati di foglie fino a quando non vedete il bianco tenero all’attaccatura. Con uno spelucchino mondate il fondo eliminando i monconi di foglie staccate e passate a eliminare la barbetta interna che potrebbe impastarvi la bocca. Se avete intenzione di cuocerli interi scavate al centro del carciofo partendo dall’alto in modo da eliminare anche lo strato di piccole foglioline appuntite che si trova al cuore, se invece la ricetta prevede il carciofo a spicchi, tagliatelo a spicchi e pulitelo all’interno. Passate ora al gambo a cui dovete eliminare la parte esterna e filamentosa. Potete utilizzare lo spelucchino o un pelapatate e dovrete eliminare tuta la parte coriacea per mantenere solo il cuore morbido e gustoso.
 
I carciofi si ossidano se non vengono utilizzati subito?
Il carciofo, una volta tagliato tende ad annerire velocemente. Questo accade per effetto dei polifenoli, molecole che si ossidano una volta esposte all’ossigeno. Per evitare questo tipo di alterazione l’industria conserviera aggiunge acido citrico e acido ascorbico, i quali inibiscono il processo di ossidazione. In natura l’acido citrico si trova nel limone, ecco perché s’impiega il suo succo su frutta e ortaggi, ed ecco perché è uso comune immergere i carciofi appena tagliati in acqua acidulata.
 
Come si riconosce la freschezza di un carciofo?
Afferrateli con indice e pollice e premete. Se il carciofo è duro e compatto è fresco se tende ad appiattirsi invece non lo è. Un carciofo fresco deve avere le punte ancora ben chiuse e se il gambo ha ancore delle foglie attaccate, queste non devono essere appassite, ma al contrario ben fresche.

Che differenza c’è tra il carciofo IGP di Paestum e gli altri carciofi?
Le differenze rispetto ad altre tipologie di carciofo consistono nelle peculiarità varietali , la precocità di produzione, e della zona di coltivazione ,suoli fertili e inverni piovosi e miti, che conferiscono al carciofo un gusto tondo e delicato. Il carciofo IGP di Paestum inoltre è tenuto a rispettare una serie di prescrizioni contenute all’interno del disciplinare di produzione che riguardano l’intero ciclo colturale permettendo di ottenere un prodotto di eccellenza nonché rispettoso dell’ambiente.
 
Si coltiva solo a Paestum?
Quasi.Il carciofo IGP di Paestum può essere coltivato anche nei comuni limitrofi o in parte di essi (Agropoli, Albanella, Altavilla Silentina, Battipaglia, Bellizzi, Campagna, Capaccio, Cicerale, Eboli, Giungano, Montecorvino Pugliano, Ogliastro Cilento, Pontecagnano Faiano, Serre.) Il disciplinare di produzione indica precisamente in quali aree è concessa la coltivazione . 
 
Quali sono le caratteristiche del carciofo IGP di Paestum e come lo riconosco?
Il carciofo IGP di Paestum si presenta di forma sferoidale, con caratteristico  foro  all’apice, il peso medio di un capolino (compreso il gambo) è di 250 gr, risulta compatto e si caratterizza per una colorazione verde, con sfumatura violetto rosacea  inoltre è reso inequivocabilmente riconoscibile dalla presenza del  logotipo I.G.P. “Carciofo di Paestum” composto da una  immagine  del  Tempio  di  Nettuno  sito  a  Paestum  circondato  da  un  cielo  di  colore azzurro e l’immagine di un capolino di carciofo in primo piano.
 
Quando inizia la  stagione il carciofo IGP di Paestum e fino a quando si trovano in vendita?
Il carciofo IGP di Paestum è una varietà di carciofo precoce a produzione primaverile la raccolta  viene effettuata in maniera scalare nel periodo compreso tra il 1º febbraio ed il 20 maggio e questo è anche il periodo in cui può essere acquistato.
 
E’ vero che vengono usati ormoni?
Sebbene per alcune tipologie di carciofi a volte vengano utilizzati dei fitormoni (ormoni vegetali) quali l’Acido gibberellico per anticipare la produzione tuttavia per la coltivazione del carciofo IGP di Paestum non vengono assolutamente utilizzati per due fondamentali ragioni: in primis poiché l’utilizzo di questi prodotti è severamente vietato dal disciplinare di produzione proprio del carciofo IGP di Paestum ;in secundis perché questa particolare varietà di carciofo ha naturalmente una produzione precoce che in caso di inverni caldi può diventarlo fin troppo per questo motivo l’utilizzo di fitormoni potrebbe rivelarsi addirittura controproducente.

Se non hai trovato la risposta alle tue domande, contattaci

  

Organizzazione di Produttori
TERRA ORTI Società coop.

Via Bagnolo San Vito
84025 Eboli (SA)
Tel.: 0828 601213
Fax: 0828 600103

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information